ASSIRM INFORMA

  • Home
  • /
  • News
  • /
  • Il Premio Assirm 2016 in memoria di Carlo Erminero

Il Premio Assirm 2016 in memoria di Carlo Erminero

05/07/2016

Milano, 5 luglio 2016 – Il Premio Assirm 2016 va alla memoria di Carlo Erminero, uno dei padri fondatori della ricerca sociale e di mercato in Italia, nonché Presidente del Comitato di Qualità e Consigliere di Assirm, venuto a mancare lo scorso 16 febbraio.  

Consegnato stamattina a Milano presso la Cordata di San Vittore, alla figlia Cristina e al fratello Enzo, il premio è stato dedicato a una delle personalità di spicco del mondo della ricerca che ha contribuito col suo lavoro alla nascita del settore in Italia.

Dopo aver lavorato all’interno dell’Istituto Doxa e dopo aver fondato da giovanissimo l’Istituto Demoskopea, Carlo Erminero è stato tra i primi in Italia a comprendere il ruolo che la ricerca avrebbe potuto svolgere a servizio delle imprese, nella soluzione dei problemi di marketing e nella conoscenza del consumatore.  Così come anni dopo, ancora una volta, è stato tra i primi a comprendere l’importanza per le società del settore di fare fronte comune a presidio e garanzia della qualità della ricerca, partecipando alla fondazione di Assirm.

Il Presidente di Assirm Umberto Ripamonti ha così commentato: «Il Premio viene oggi consacrato al ricordo di un uomo di lungimiranza e forte spirito d'innovazione; si tratta di un tributo doveroso a un grande imprenditore e brillante intellettuale. Da colleghi» ha continuato Ripamonti «Ci piace ricordarlo anche per altri inconfondibili tratti della sua personalità: il suo grande amore per la ricerca prima di tutto, il suo forte impegno per la crescita della professione, il suo sguardo aperto all’innovazione e al futuro».

Il Premio Assirm è promosso dall’Associazione tra Istituti di Ricerca di Mercato, Sociale e d’opinione per dare un riconoscimento agli imprenditori e ai manager che grazie al loro lavoro e alle loro idee hanno contribuito allo sviluppo della cultura delle ricerche di mercato, sociali e d’opinione in Italia. 

DOCUMENTI ALLEGATI

Versione stampabile