ASSIRM INFORMA

  • Home
  • /
  • News
  • /
  • Concreto segnale di ripresa per l’Italia: Lo rileva l’indice Slim Factor

Concreto segnale di ripresa per l’Italia: Lo rileva l’indice Slim Factor

07/03/2014

Concreto, seppur lieve, segnale di ripresa per l’Italia: è quanto emerge dai dati dello Slim Factor, l’indicatore messo a punto dal Centro Studio Assirm, con l’obiettivo di descrivere in modo sintetico l’andamento economico del Paese e, soprattutto, la sua competitività.

L’indice, calcolato e rilasciato su base trimestrale, misura tre macro-fattori dell’economia: la domanda interna, il commercio con l’estero e il rapporto import/export, il comparto turistico.

Ad un confronto dei dati del III trimestre 2013 con quelli del I trimestre dello stesso anno, si evidenzia una percepibile ripresa: l’andamento della domanda interna nazionale ottiene un punteggio di 94,1 registrando un incremento di 3,8 punti, a fronte di un andamento sostanzialmente costante delle esportazioni (+0,4%) e del mercato turistico (+1,1%).

Il peso che ha la domanda interna, nel determinare il valore complessivo dell’indice Slim Factor – spiega Alessandro Amadori, Direttore del Centro Studi Assirm - fa sì che quest’ultimo nel suo complesso evidenzi finalmente un orientamento verso la crescita di circa 2,5 punti in più rispetto a inizio 2013”. L’indice Slim Factor si è dimostrato negli anni un descrittore attendibile dell’andamento dell’intero Paese: “La stabilizzazione della domanda interna, e anzi una sua incipiente ritonificazione sono segnali positivi. L’importante è che la discesa sia finalmente terminata”, conclude Amadori.

Quello rilevato dallo Slim Factor è un segnale di fiducia che seppur lieve, diventa molto importante se contestualizzato all’attuale congiuntura economica del Paese. “Ora è importante che tutti facciano la loro parte - commenta Umberto Ripamonti, Presidente Assirm - la politica dando nuova stabilità al paese, il sistema delle imprese ricominciando a investire, i consumatori ritrovando fiducia e senso della prospettiva”.

In allegato il Comunicato Stampa completo.

DOCUMENTI ALLEGATI

Versione stampabile