HOME | SALA STAMPA | LINKS | SITE MAP | CONTATTACI | PRIVACY | ENGLISH   accesso rapido ai servizi assirm    Registrati   Accedi
ASSIRM 20 anni
 
Martedì 23 Maggio 2017 - ore 10:50
RICERCA AVANZATA
HOME / PREMIO ASSIRM  
   
PREMIO ASSIRM



  • Premio Assirm 2016 a Carlo Erminero - consegnato il 5 Luglio 2016
    Nato a Verona nel 1937, si è laureato in Economia all’Università Cà Foscari di Venezia con Carlo Maria Cipolla.
    All’inizio della sua carriera ha lavorato per cinque anni all'Istituto Doxa. Nel 1965 è fra i fondatori di Demoskopea, di cui è stato Amministratore Delegato e Direttore Generale, fino al 2002.

    Nel 2004 ha dato vita alla società che porta il suo nome, CE&Co; nel 2007 ha fondato VIA!, l’unico access panel provider italiano associato Assirm.

    Specializzato in metodologia della ricerca sociale, ha sviluppato nuovi modelli di ricerca e di studio del comportamento del consumatore, in particolare nell’ambito dello sviluppo di nuovi prodotti, nelle analisi di posizionamento e degli effetti di pubblicità e promozioni.

    E’ stato fra i fondatori, in Italia, delle ricerche sulla stampa, quotidiana e periodica, e sull’editoria libraria. Sono numerosi gli articoli pubblicati e le relazioni presentate a convegni in sede Esomar e AISM, l'Associazione Italiana per gli Studi di Marketing, di cui è stato prima Vice Presidente e poi Presidente nel periodo 1980 - 1995.

    Nel 1991 è tra i soci fondatori di ASSIRM, l’Associazione italiana fra gli istituti di ricerche di mercato, sondaggi di opinione e ricerca sociale. Responsabile del Comitato che ha elaborato la prima edizione degli Standard di Qualità degli Istituti di Ricerca italiani, che ha costituito la base per il processo di certificazione, è stato successivamente Membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione dal 1996 al 1999, e ancora Presidente del Comitato di Qualità dal 2010 al 2014.

    Fra il 1997 e il 2002 in Assolombarda è Vicepresidente del settore delle imprese di servizi per il marketing e la comunicazione di impresa.

    MOTIVAZIONI

    Carlo Erminero è stato, insieme a pochi altri, uno dei padri fondatori della ricerca sociale e di mercato in Italia.

    Si potrebbe dire che era scritto nel destino. Nell’aprile 1960, mentre era in attesa di laurearsi, Carlo decise di venire a Milano per sottoporsi ai test e ai colloqui del Centro di Orientamento dell’Università Cattolica. La risposta che ebbe fu molto precisa: ricerche di mercato. Qualche mese dopo, tra le varie lettere di invito a sostenere colloqui di selezione, trovò nella posta una lettera di Doxa. Al destino non si poteva dire di no due volte, e Carlo accettò la sfida.

    Dopo l’esperienza in Doxa, all’età di ventotto anni contribuì a fondare Demoskopea, dando vita a una delle esperienze più importanti e innovative della ricerca di mercato italiana degli anni sessanta e settanta. Fu tra i primi in Italia a comprendere il ruolo che la ricerca avrebbe potuto svolgere a servizio delle imprese, nella soluzione dei problemi di marketing e nella conoscenza del consumatore. Così come anni dopo, ancora una volta fu tra i primi a comprendere l’importanza per le società del settore di fare fronte comune a presidio e garanzia della qualità della ricerca, partecipando alla fondazione di ASSIRM.

    Il nostro è dunque un tributo doveroso all’imprenditore, allo studioso, all’intellettuale. Ma da colleghi ci piace ricordarlo anche per altri inconfondibili tratti della sua personalità e della sua storia professionale:

    - Il suo grande amore per la ricerca, innanzitutto. Lui stesso era solito dire: Io amo la ricerca … la ricerca mi piace perché è bella. Diceva proprio così - bella - usando a sorpresa la categoria estetica, dove altri avrebbero usato quella etica, oppure quella sociale, o economica, o scientifica. Con questo Carlo intendeva dire che la ricerca racchiude in sé tutte queste dimensioni, ma anche molto, molto di più.

    - In secondo luogo, il suo forte impegno per la crescita della professione. Convinto che la partecipazione e il coinvolgimento diretto nella vita della comunità sia la condizione necessaria del progresso dei singoli, è sempre stato attivo nelle sedi che promuovono il valore della ricerca. Ha voluto molto bene ad ASSIRM, cui ha dedicato tempo e competenze.

    - Infine, il suo sguardo aperto al futuro e all’innovazione. Metodologo per formazione e per vocazione, ha tenuto saldi i parametri scientifici della ricerca, senza lasciare che si trasformassero in gabbie, affascinato dalle potenzialità che le nuove tecnologie e i nuovi approcci offrono alla conoscenza della società e dei ‘nuovi’ consumatori. Nel momento in cui avrebbe potuto godersi il prestigio di una nobile storia professionale, si è rimesso in gioco e ha creato due società concepite per sperimentare e integrare metodi, tecniche, competenze, modelli di offerta innovativi.

    Per tutti questi motivi, oggi siamo riconoscenti al destino e a Carlo che ha saputo interpretarlo, come fosse una ricerca, con intelligenza e creatività.
  • Premio Assirm 2015 a Luigi Ferrari - consegnato il 30 Giugno 2015
    Laureato in Economia e Commercio, inizia la carriera di ricercatore nel 1969 presso Procter & Gamble come Direttore delle Ricerche di Mercato.

    Inizia la sua storia negli Istituti di Ricerca entrando nel 1973 in Burke Marketing Research (oggi confluita nel gruppo TNS) come Amministratore Delegato. Fonda poi nel 1978 l’Istituto di Ricerca Explorer (poi confluito nel gruppo Ipsos), di cui è Presidente fino al 2000. Successivamente, insieme a due partner di diversificata esperienza, fonda l’Istituto di Ricerca PEOPLE, di cui è attualmente Presidente.

    In campo associativo, nel 1991 è promotore e primo presidente di ASSIRM (Associazione Italiana Ricerche di Mercato e Sondaggi di opinione), di cui è Presidente per quattro mandati, dal 1991 al 1995 e successivamente dal 2002 al 2005. Nel corso del primo mandato, nel 1993, pubblica su “Il giornale di Marketing” (organo dell’AISM, Associazione Italiana Studi di Marketing) un intervento dal titolo “Le ricerche di mercato verso il 2000: profilo del nuovo Ricercatore”, in cui vengono delineate alcune delle tendenze più significative della professione, poi realizzatesi negli anni seguenti e ancora attuali ai giorni nostri.

    Dal 1990 al 1996 è membro del Consiglio Direttivo di ESOMAR (European Society for Opinion and Market Research).
    Dal 2005 al 2015 è Consigliere della Fondazione Pubblicità Progresso e dal 2006 al 2012 membro del consiglio direttivo di Assolombarda, gruppo Comunicazione.
    Dal 2005 al 2014 è titolare dell’insegnamento di “Comunicazione d’Impresa” nel corso di Laurea Magistrale in Strategia della Marca presso l’Università IULM di Milano. Dal 2007 al 2009 è stato titolare dell’insegnamento di “Analisi e strategie di mercato”, Laurea Magistrale in Promozione e Management della Cultura e del Turismo, sempre presso l’Università IULM.

    E’ ispiratore e coautore di numerose pubblicazioni sui temi legati all’impresa, alla ricerca e alla comunicazione, fra cui, per l’Editore ISEDI, i volumi “Da Target a Partner: un nuovo paradigma di comunicazione per il successo dell’impresa”, 2006, “Oltre la CSR: l’impresa del Duemila verso la Stakeholder Vision”, 2009, e per l’editore Unicopli “L’impresa nell’era della convergenza: da emittente di messaggi a nodo di conversazioni”, 2012.

    MOTIVAZIONI DEL PREMIO

    Il premio che conferiamo oggi a Luigi Ferrari vuole essere un riconoscimento per aver saputo cogliere, con lungimiranza e creatività, le tendenze più significative dell’evoluzione della nostra professione, con un occhio sempre attento alle persone e agli scenari in cui si muovevano. Ed inoltre per l’intelligenza, non comune, con cui ha portato avanti la sua idea innovativa di imprenditorialità, che ha coniugato da una parte con la tradizione e dall’altra con l’impegno nella formazione dei giovani ricercatori ritenendoli un importante asset strategico per la crescita del nostro settore, tanto da diventare per lui dei “partner”, oltre che dei colleghi.
    Luigi Ferrari, promotore e socio fondatore dell’Assirm, si è distinto, fin dalla nascita dell’Associazione, in qualità di Presidente, per ben quattro mandati; ha saputo studiare il cambiamento e interpretare il futuro, anche in occasioni complesse e delicate per Assirm, promuovendo con coraggio alcune iniziative che si sarebbero poi rivelate un successo, come il Primo Convegno Assirm - “Governare la società dell’incertezza” – (anno 2003).
    Ha dunque saputo coniugare e interpretare al meglio i diversi ruoli che si è trovato a rappresentare nella sua lunga carriera: figura istituzionale in seno all’Associazione, manager, ricercatore e docente, riuscendo a trasmettere parte del “sapere aziendale” nell’insegnamento universitario, anche attraverso i testi che ha contribuito a scrivere.
    Tutti gli amici e colleghi di Assirm si augurano che Luigi possa continuare a contribuire, in forme sempre nuove e originali, alla crescita e allo sviluppo della nostra Associazione.
  • Premio Assirm 2014 a Gabriele Calvi - consegnato il 19 Giugno 2014
    Gabriele si laurea in Pedagogia nel 1950 all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Si perfeziona nel 1953 in Psicologia sperimentale nel Laboratorio di Padre Agostino Gemelli, di cui fu anche assistente per un paio di anni.

    Libero docente, nel 1964, in Psicologia dell'Età Evolutiva (e Sociale), ha insegnato nell'Università Cattolica fino al 1975, anno in cui ha vinto la cattedra di Psicologia Sociale nella Facoltà di Scienze Politiche. Nel 1985 si trasferisci per il medesimo insegnamento nella Facoltà di Scienze Politiche di Pavia, nella quale ha insegnato fino al 1991.

    Contemporaneamente alla ricerca scientifica e all’insegnamento, svolge l’attività di ricercatore sociale e di mercato in vari istituti specializzati.

    Negli anni '70 e '80 ha diretto le collane “Strumenti per l'indagine sociale”, “Programma di indagine sociale internazionale” e “Collana di psicologia politica”, pubblicate dall'editore Franco Angeli.

    Ha collaborato poi alle ricerche sui giovani svolte dal primitivo Programma IARD, dal 1960 in poi. Ha fatto parte, successivamente, del Comitato Scientifico dell'Istituto IARD Franco Brambilla.

    Dal 1976 è socio del Consiglio Italiano per le Scienze Sociali (CSS). È stato socio anche di associazioni scientifiche e professionali, quali: ISPP, AMA e AISM, per la quale ha diretto, negli anni '70, la rivista Il Giornale di Marketing. Nel 1993 è stato insignito del Premio Guglielmo Tagliacarne dalla medesima Associazione, per l'attività svolta nella promozione delle ricerche sociali e di mercato in Italia.

    Dell'Assirm è stato prima membro del Consiglio, dalla fondazione (1991) al 1995, poi per il biennio 1996-97 Presidente ed infine per il biennio 2000-2001 ancora Consigliere. Oggi ne è Presidente Onorario e Membro del Comitato Disciplinare. Fa parte, inoltre, del Comitato Scientifico della rivista Micro & Macro Marketing, edita da il Mulino.

    MOTIVAZIONI DEL PREMIO

    Il Premio che conferiamo oggi a Gabriele Calvi rappresenta il riconoscimento che tutta la comunità scientifica, i molti amici, colleghi e allievi che hanno in questi lunghi anni incrociato la loro vita con quella del “Professore” sentono di manifestare come ringraziamento per quanto hanno ricevuto da questo prezioso incontro.
    Gabriele Calvi ha saputo affrontare, fin dall’inizio degli anni ’60, numerosi problemi socialmente rilevanti, guardando avanti per cogliere ciò che non era ancora evidente alla comunità di ricerca ma che rappresenterà poi uno snodo cruciale per il futuro collettivo, introducendo in Italia il tema della ricerca sulle psicografie e sugli stili di vita e dando così ampio spazio al progetto di sviluppo di un marketing dei prodotti e dei servizi meno autoreferenziale per le aziende e più centrato su un dialogo reale con il cittadino-consumatore.
    Nasce così, grazie a lui e alle persone che con lui hanno collaborato, Sinottica: una ricerca, ma anche un modus operandi, che ha profondamente caratterizzato sul piano scientifico-culturale-professionale l’identità del suo istituto, Eurisko, ma anche il modo di fare ricerca nel nostro Paese, descrivendo le forme, i modi, le direzioni del cambiamento sociale e facilitando con la diffusione di tali conoscenze, un interscambio sociale più equo e consapevole fra domanda e offerta, fra aziende e cittadino-consumatore.
    Gabriele Calvi, tra i soci fondatori dell’Associazione, si è distinto per equilibrio e saggezza, sin dalla nascita di Assirm, come Consigliere, Presidente ed è ora Presidente Onorario della nostra Associazione.
    Ha saputo coniugare e interpretare al meglio i diversi ruoli che si è trovato a rappresentare nella sua lunga carriera di psicologo, ricercatore, professore universitario, politico e figura istituzionale di riferimento in seno all’Associazione.
    Assirm, ben ricordando l’insofferenza del “Professore” verso gli eccessi di cerimoniale, vuole dire un semplice “grazie Gabriele” a nome della comunità dei ricercatori a cui apparteniamo, augurandosi che la sua passione possa continuare ad essere di esempio per la crescita e lo sviluppo dell’Associazione.

    Ritirano il Premio i figli, Elena e Germano, e la nipote Virginia.
  • Premio Assirm 2013 a Cecilia Gobbi - consegnato il 14 Giugno 2013
    L’inizio …
    Cecilia inizia ad operare come consulente di ricerca sociale e di marketing nella seconda metà degli anni ’60, durante gli studi in lettere moderne a indirizzo sociologico presso La Sapienza di Roma.
    L’esperienza di istituto
    Nel 1973 ha fondato l’istituto A.S.M. – Analisi e Strategie di Mercato – Srl, di cui è stata Presidente e Amministratore Delegato per tre decenni. Sotto la sua direzione la società A.S.M. ha conosciuto una costante crescita collocandosi, già nel primo decennio di vita, tra i primi 10 istituti di ricerca italiani per fatturato e conseguendo un’elevata notorietà a livello internazionale. Nell’ambito dello sviluppo societario, nel 1990 ha fondato, assumendone la Presidenza, la società sussidiaria Selecta Srl., specializzata in rilevazioni telefoniche. Nel 1994 è entrata a far parte del gruppo multinazionale GfK AG a cui nel 2002 ha ceduto l’intera proprietà di A.S.M. e della partecipata Selecta, uscendo dal gruppo.

    L’esperienza associativa
    A.S.M. è tra i soci fondatori di Assirm di cui Cecilia Gobbi ricopre la carica di Consigliere nel Direttivo del 1991 al 1995. Dopo un biennio di Vicepresidenza (1996-1997) nel gennaio 1998 viene eletta Presidente dell’Associazione, restando in carica per due bienni consecutivi (1998-2001) e continuando a partecipare alle attività del Direttivo dal 2001 al 2003 in qualità di Past President con delega ai rapporti internazionali del settore. Da Gennaio 2005 a marzo 2013, ha assunto il ruolo di Direttore Generale di Assirm occupandosi in particolare delle aree legislative-normative, fiscali e sindacali e delle attività di formazione in collaborazione con il Centro Studi e Formazione dell’Associazione. Attualmente continua ad operare per l’Associazione come consulente. Dal 1983 al 1987 ha ricoperto il ruolo di rappresentante nazionale per l'Italia di ESOMAR, l'Associazione Mondiale dei Professionisti della Ricerca, partecipando anche a diversi Comitati Scientifici e Organizzativi dei Congressi annuali dell’Associazione. Nel 1997 è entrata nel Consiglio Direttivo di Esomar in cui è rimasta fino al 2002, dopo tre bienni consecutivi, il massimo statutariamente previsto.

    L’attività culturale
    Figlia d’arte, a latere della sua attività professionale ha sempre coltivato interessi artistici con particolare riguardo all’ambito musicale-operistico. Dal 1992 al 1996 ha ricoperto il ruolo di Consigliere del Direttivo dell’Associazione per l’Economia della Cultura e dal 1993 al 1997 è stata Segretario Generale dell’Associazione Pro Musicis (chapter italiano dell’Associazione internazionale) organizzando concorsi per cantanti e strumentisti, concerti ed eventi seminariali in collaborazione con l’Accademia di Francia a Roma. Nel 2003 ha fondato l’Associazione Musicale Tito Gobbi, un’organizzazione non profit, di cui come Presidente imposta e cura le attività di formazione, eventi, editoria. Tra queste la realizzazione di un corso annuale riconosciuto dal MIUR per l’avvicinamento di insegnanti e allievi della scuola dell’obbligo all’opera lirica, la realizzazione di corsi avanzati di interpretazione operistica e master class per giovani cantanti, la pubblicazione multimediale delle Master Class del padre e la stesura dei testi della collana “Magia dell’Opera”, pubblicata dall’editore Curci.

    MOTIVAZIONI del Premio:

    Il Premio è il riconoscimento di un’eccellenza imprenditoriale e professionale nel mondo delle ricerche di mercato che ha saputo integrare i valori del rigore applicati all’uso intelligente delle ricerche attraverso un valido pragmatismo di gestione aziendale basata sull’iniziativa, l’innovazione, l’impegno e la visione internazionale.
    Cecilia Gobbi, contribuendo alla costituzione dell’Assirm, si è poi distinta, fin dalla nascita dell’Associazione, in qualità di Consigliere e Vice Presidente prima, Presidente poi e infine Direttore Generale, per lo spessore umano, la grande generosità e senso di responsabilità.
    Ha quindi saputo coniugare e interpretare al meglio, i diversi ruoli che si è trovata a rappresentare nella sua lunga carriera: manager, ricercatore e figura istituzionale in seno all’Associazione.
    Assirm nel conferire a Cecilia Gobbi un Premio che ne riconosce l’impegno costante, contraddistinto da professionalità ed eticità indiscusse, auspica che le sue doti di passione e intelligenza possano continuare a contribuire, in forme sempre nuove, alla crescita e allo sviluppo dell’Associazione.

  • Premio Assirm 2012 a Remo Lucchi - consegnato il 5 Luglio 2012
    Remo Lucchi in 40 anni di carriera ha dato numerosi e fondamentali contributi all’industria delle ricerche di mercato, sociali e d’opinione, come imprenditore e come ricercatore.
    Ha dato un impulso alla creazione ed allo sviluppo del principale istituto italiano di ricerca ad hoc, Eurisko (ora GfK Eurisko), un punto di riferimento nello scenario della nostra industria ed uno stimolo a competere sui temi dell’innovazione e della qualità per tutti i soggetti e colleghi del nostro mercato
    Ha dato un impulso alla creazione ed alla crescita del principale istituto italiano di ricerca ad hoc, Eurisko (ora GfK Eurisko), contribuendo allo sviluppo di una cultura imprenditoriale centrata sulla responsabilità sociale, la leadership attiva, l'investimento finalizzato all'innovazione e la difesa dei posti di lavoro, anche durante i periodi di crisi.
    Ha dato un contributo alla costruzione di una cultura consulenziale della ricerca italiana, portando la consulenza e l'interpretazione più all'interno della stessa ricerca quantitativa, favorendo lo sviluppo di un mercato italiano della ricerca mediamente più sofisticato di molti altri mercati, anche dimensionalmente più importanti.
    Ha favorito la crescita e l’affermazione di ricercatori e manager dando spazio alle loro idee e professionalità e promuovendo la diffusione di una cultura sofisticata di ricerca.
    Ha incoraggiato la collaborazione e l'integrazione di partner e colleghi dando un contributo importante al ripensamento dei modelli manageriali di collaborazione, partnership e networking; una ricetta di grande attualità contro il nanismo della PMI italiana, anche nel nostro settore.
    Remo Lucchi rappresenta un esempio eccellente di stile imprenditoriale e professionale fatto di competenza, correttezza e rigore etico che si è affermato nel mondo della ricerca in Italia.

    MOTIVAZIONI del Premio:

    Il premio è un riconoscimento di un’eccellenza imprenditoriale e professionale del mondo delle ricerche che ha saputo integrare i valori del sapere accademico con un pragmatismo illuminato di gestione aziendale basata sull’iniziativa, l’innovazione e la responsabilità sociale.
    Per il rigore e la professionalità con cui Remo Lucchi ha contribuito alla crescita ed alla qualificazione della ricerca in ambito sociale e di mercato,
    Per il senso di responsabilità, l’impegno e lo spessore umano con cui ha saputo interpretare i diversi ruoli di manager e ricercatore, fondati sui valori del dialogo, della trasparenza, della competenza e della qualità.
  • Premio Assirm 2011 a Vittorio Bossi - consegnato il 16 Giugno 2011
    Vittorio Bossi ha sviluppato un percorso professionale a 360 gradi nel campo della ricerca statistica, di mercato e sociale, maturando, in oltre 30 anni di attività, un’esperienza pluriennale nei diversi ruoli di docente universitario, ricercatore di istituto e committente di ricerca. E’ stato Docente di Statistica avanzata presso la Facoltà di Economia dell’Università di Bergamo dal 1986 al 2006 e, successivamente, dal 2007 di “Produzione e marketing del prodotto cinematografico e audiovisivo" e di “Statistica socio-economica” presso il Corso di Laurea in Ingegneria del cinema al Politecnico di Torino. Ha collaborato come Direttore di Ricerca in Eurisko, come Responsabile Statistico in Nielsen ed è stato Direttore Marketing Strategico in RAI, oltre che autore di alcune pubblicazioni. Nel 2002 ha fondato l’istituto Reset. La sua competenza ha spaziato dalle ricerche ad hoc qualitative e quantitative, a quelle su panel, alla progettazione di sistemi informativi di marketing. Vittorio Bossi rappresenta un esempio eccellente di stile imprenditoriale e professionale fatto di competenza, correttezza e rigore etico che si è affermato nel mondo della ricerca in Italia.

    MOTIVAZIONI del Premio:

    Il premio è un riconoscimento per un grande professionista del mondo delle ricerche che ha saputo integrare lo spessore del sapere accademico con il pragmatismo della ricerca applicata e una cultura d’uso intelligente delle ricerche. Per il rigore e la professionalità con cui Vittorio Bossi ha contribuito allo sviluppo ed alla qualificazione della ricerca statistica in ambito sociale e di mercato. Per lo spessore etico e l’impegno con cui ha interpretato i diversi ruoli di docente, ricercatore d’istituto e committente. Per il contributo esemplare alla costruzione di un modello di collaborazione tra Committenza e Istituto, basato sul dialogo, sulla trasparenza, sulla competenza e sulla qualità. Per il valore dei contributi specialistici alla disciplina della ricerca statistica pubblicati in diversi volumi.
  • Premio Assirm 2010 a Giulia Fonti Bellati - consegnato il 15 Giugno 2010
    Giulia Fonti Bellati è stata fondatrice e Amministratore Unico dell’istituto MESOMARK, con un'esperienza applicata di oltre 40 anni nel campo delle ricerche di mercato, della comunicazione e della ricerca sociale. Giulia Fonti Bellati ha fondato Mesomark nel 1968 e nel 2009 ne ha chiusa l’attività mettendo l’istituto in liquidazione. MESOMARK è stato uno dei soci fondatori di ASSIRM. Giulia Bellati ha dettato i criteri di uno stile imprenditoriale e professionale fatto di competenza, creatività e rigore etico che si è affermato nel mondo della ricerca in Italia. L’Istituto ha perseguito standard ottimali di qualità, ampiamente premiati dall'alto grado di fidelizzazione dei propri clienti, tra i quali alcune delle principali aziende leader nel mercato italiano ed estero.

    MOTIVAZIONI del Premio:

    Giulia Fonti Bellati in qualità di pioniere ha percorso i sentieri delle indagini di mercato in Italia ed ha dedicato la propria vita, con intelligenza e passione, allo studio del mondo della ricerca e della comunicazione. Il premio è un riconoscimento per il rigore e la creatività con cui ha esplorato le diverse aree delle ricerca, per lo spessore etico con cui ha saputo interpretare la sua idea originale di imprenditorialità, per l’impegno e la generosità con cui ha formato tanti giovani ricercatori.

Documenti allegati
Regolamento Premio Assirm Scarica documento
Iscriviti alla newsletter assirm
  OK

Attestato di Qualità Assirm Aderisci alla Associazione ed ottieni il Logo di Accreditamento Assirm. Una garanzia di serietà per i tuoi clienti.
Approfondisci

 
 
 
TAG ASSIRM

 
ANSA
           
l'associazione entra in assirm istituti associati standard di qualità eventi e iniziative centro studi
Storia
Mission e Valori
Perché associarsi
Come associarsi
Elenco associati
Il Codice delle Ricerche
Il Comitato STND di Qualità
L'Attestazione di Qualità
Il Comitato Disciplinare
Calendario Eventi
Premio Assirm
Assirm informa
Presentazione
Regolamento
Attività e iniziative
Micro & Macro Marketing
  UNISCITI AL GRUPPO SU:
HOME | SALA STAMPA | LINKS | SITE MAP | CONTATTACI | PRIVACY | ENGLISH   Facebook   Linkedin   Twitter   YouTube

ASSIRM

C.so Magenta, 85 - 20123 Milano
Tel. 02 58315750 - Fax 02 58315727

ADERENTE

EFAMRO